SAN LORENZO MARTIRE

Trieste – Servola

(Decanato di S. Giacomo Apostolo)

Il toponimo Servola, con cui già in tempo antico è stato denominato un territorio collinare periferico all’abitato cittadino, aveva riferimento alla configurazione boscosa e agreste del luogo. Dell’assistenza religiosa assicurata ai fedeli del posto da parte dei canonici della Cattedrale parlano documenti medioevali e di una piccola chiesa cimiteriale colà esistente si ha notizia nel 1338 riportata dagli Statuti del Capitolo Cattedrale. Era dedicata a S. Lorenzo Martire. Ricostruita o ristrutturata nel 1665 e nel 1677, è stata consacrata dal vescovo Giacomo Gorizzutti il 30.9.1674 e costituita filiale della Cattedrale di S. Giusto. Come avvenuto agli inizi del secolo XIX per altre zone suburbane della città, anche per Servola l’aumentata popolazione rese necessaria la costruzione di una nuova chiesa. Abbattuta la precedente, i lavori, deliberati dal Comune di Trieste, iniziarono nel 1838 e l’edificio sacro, realizzato su progetto dell’arch. Giuseppe Sforzi, fu benedetto l’11.8.1839. è stato consacrato, immutato il titolo di S. Lorenzo Martire, il 4.8.1850 dal vescovo Bartolomeo Legat. Restaurata dopo un grave incendio nel 1889, la chiesa è stata riconsacrata il 10.8.1891 dal vescovo Giovanni Glavina. La curazia di S. Lorenzo è stata elevata nel 1773 a cappellania e nel 1851 è sta eretta a parrocchia. I primi registri sono del 1763.

Ente iscritto al n. 117 del Registro delle Persone Giuridiche, pag. 121. C.F. 90030910328

Abitanti: 7.754

Ufficio parrocchiale: via di Servola, 40 – 34146 Trieste  – tel. 040 816305
e-mail: slorenzo@diocesi.trieste.it

› Stradario parrocchiale (pdf)

Chiesa parrocchiale: S. Lorenzo Martire, via di Servola

Clero parrocchiale:

Parroco: can. CARLO GAMBERONI
Aiuto: sac. DOMENICO DE FILIPPI

Luoghi di culto:
Madonna della Salute dell’Istituto Caccia Burlo: via Soncini, 30
Mater Ecclesiæ: via di Servola, 40