caritas

La gratitudine e la vicinanza del Vescovo agli operatori e volontari della Caritas impegnati nell’emergenza

Agli operatori e volontari
della Caritas Diocesana di Trieste
della Fondazione Diocesana Caritas Trieste ONLUS

 

Carissimo/a,

da più di tre mesi a causa della pandemia da coronavirus, stiamo affrontando assieme una situazione inedita, mai accaduta in precedenza nelle attuali proporzioni. Tutto ciò ha comportato profondi cambiamenti nella vita della Chiesa, dei fedeli e dell’intera comunità sociale e civile. Inoltre, la chiusura temporanea di molte attività produttive sta segnando pesantemente molte famiglie e molte persone che vivono nell’incertezza la loro quotidianità e non vedono ancora chiarezza nel loro futuro.

Dalle informazioni che quotidianamente mi fornisce il Direttore della Caritas, sono confortato dal sapere che la testimonianza cristiana della carità e l’attività del nostro essere Chiesa a servizio del prossimo restano vive e feconde. Anzi, direi, che in questa dolorosa situazione hanno espresso un consolante ed esemplare rilancio.

Alcuni servizi sono stati modificati e adattati nella loro proposta al pubblico, sono aumentate le strutture di accoglienza, sono state diversificate le modalità di intervento. Oltre alla situazione contingente, a seguito della riapertura della rotta balcanica, le persone in accoglienza sono più che raddoppiate. A tutt’oggi la Chiesa di Trieste, attraverso la Caritas, serve, in diversi modi, più di 500 persone al giorno.

Tutto ciò è possibile grazie alla tua fede in Dio e nel suo amore, alla tua disponibilità, alla tua presenza costante e silenziosa, alla tua dedizione al lavoro e all’opera verso i nostri fratelli più poveri. Senza di te e degli altri operatori e volontari, infatti, qualsiasi azione della Caritas sarebbe di fatto irrealizzabile.

Per questo motivo, desidero esprimerti il più profondo ringraziamento per tutto ciò che fai. Non è soltanto il ringraziamento del tuo Vescovo, ma è quello della nostra Chiesa diocesana che vive, soffre, spera, ma soprattutto prega costantemente per te e per tutti coloro che assieme a te operano ogni giorno. Grazie di cuore per la tua testimonianza, per tutta la tua fatica, per il tuo impegno.

Affidiamo a Maria santissima le nostre paure e poniamo in Lei le nostre speranze: Lei ci proteggerà e ci guiderà in questo nostro cammino tanto accidentato in questa tribolata stagione.

Con tanta stima e riconoscenza, ti assicuro la mia preghiera quotidiana e ti benedico di cuore.

il tuo Vescovo, Giampaolo

Trieste, 4 maggio 2020